Articles

Aumentare la Risoluzione dell’Immagine con le Foto Panoramiche: Fotocamera NUOVA a Costo ZERO 😉

September 10, 2019


stai diventando bravo… no! è no! e basta!
non mi dare le musate! stai diventando bravo e ti piacerebbe fare qualche foto da
stampare grande, molto grande? con i nuovi sensori da oltre 40 megapixel
non ci sono problemi, ma con le macchine più economiche o magari un po vecchiotte,
sembra impossibile raggiungere la qualità necessaria.
tutto a posto? va bene? posso continuare a lavorare? in questo tutorial ti spiego
come aumentare la risoluzione delle foto con un trucco potentissimo e
completamente gratis: fare foto panoramiche con una tecnica un po’
particolare. con il metodo che sto per spiegarvi potrei usare la tua vecchia
macchina e fare invidia al tuo amico con la sua fiammante full frame da 4.000
euro! dai ragazze… andiamo su! dopo la sigla… per favore… ma come devo fa’? ciao sono mariano di videozoppo.com questo canale tratta di fotografia e di video: troverei guide,
prove e tutorial proprio come quello di oggi!
se non lo hai già fatto, iscriviti al canale, usando il pulsante rosso qui
sotto e schiaccia la campanella per attivare le notifiche, in modo da non
perdere i prossimi video. per tutti i link ai prodotti e alle risorse di cui
ti parlo in questo video, come al solito, da uno sguardo alla descrizione qui
sotto! immagina… immagina di voler stampare una foto, diciamo 100 x 70, quindi un bel poster. la
risoluzione di cui ha bisogno per stamparla a 240 dpi che è la risoluzione che
viene considerata necessaria per avere una foto di buona qualità
se non sa di che cosa sto parlando non preoccuparti iscriviti al canale e
perché dedicherò a breve un tutorial proprio a questo argomento ma per ora
con i pochi dati che ti darò ti basta sapere poche nozioni per avere la
risoluzione necessarie quindi questi 240 dpa di cui ti parlavo servono
all’incirca 100 pixel per ogni centimetro di stampa questo vuol dire
che per la nostra immagine che ha grande 100 x 70 avrai bisogno di 10.000 per 7
mila pixel una bella quantità ora con la tua macchina diciamo da 6
megapixel ottiene un immagine che è 3.000 per 2000 e quindi puoi stamparlo al
massimo 20 x 30 x arrivare a coprire l’intera superficie di questo 100 x 70
ai in teoria ha bisogno di un po più di 3 foto per ogni lato 3000 più tremila
più tremila saresti arrivato a 9 mila pixel te ne servono 10 mila diciamo
potrebbe già andare bene ma nella realtà hai bisogno di un’area di
sovrapposizione perché la tecnica che andremo ad utilizzare è quella della
panoramica che appunto presuppone che tu debba sovrapporre queste immagini come
facciamo nella pratica abbiamo stabilito per il nostro esempio che la macchina ha
una risoluzione di 6 megapixel di conseguenza per coprire l’intero lato
lungo a remo ha bisogno di almeno quattro foto per ottenere la risoluzione
minima perché 3 appunto farebbero 9 mila pixel ma considerando le sovrapposizioni
io ti direi cinque foto stessa cosa per il lato verticale perché
pressappoco la proporzione la stessa se fate foto avesse
i duemila 2000 2006 mila pixel che non basterebbero per arrivare a 7 mila
quindi dovresti fare 4 ma nella realtà considerando la sovrapposizione di nuovo
5 ora come procediamo nella pratica della ripresa la prima cosa che devi
fare è immaginare la scena che vuoi inquadrare come faresti per qualunque
panoramica per i dettagli sulla panoramica sulla tecnica proprio della
panoramica ho già dedicato un tutorial, lo
trovi linkato in descrizione e nella card qui sopra quindi per gli aspetti
tecnici puoi guardare questo tutorial ti riassumo molto brevemente macchina e
manuale fuoco in manuale bianco e manuale in modo tale che non ci siano
variazioni tra una foto e l’altra questa è la cosa più importante
diciamo da sapere per fare una panoramica che poi funzioni bene in post
produzione ma veniamo allo specifico se hai un
obiettivo che ti permette di inquadrare tutto ciò che vuoi per la tua foto
scatta una foto in modo da ad usarla come riferimento ma se non ce l’hai non
preoccuparti perché con questa tecnica è l’ultimo dei suoi problemi
ora immaginate la tua scena dividerà in quattro perché abbiamo stabilito che per
coprire la risoluzione avremo bisogno di quattro scatti ma poi scatterà i cinque
foto perché hai bisogno di un’area di sovrapposizione con il tuo zoom avvicini
alla scena quindi allunghi la focale dello zoom in modo da inquadrare un area
un pochino più larga di quello che è il nostro quinto una sovrapposizione
ragionevole per una panoramica è all’incirca di un terzo se esageri a
sovrapporre le immagini non succede assolutamente nulla
se invece resini in questa quantità di sovrapposizione potresti trovarti male
poi il post produzione quindi nel dubbio è meglio scattare una foto in più anche
se appunto in orizzontale in verticale scatti 5 o 6 x 6 foto non succede
assolutamente nulla quando vai in post produzione. se invece la fai che si
sovrappone troppo poco potrebbe crearti difficoltà e magari esserci proprio dei
punti che non si sovrappongono ti consiglio di attivare sulla macchina
la griglia quella con le righe dei terzi modo tale da avere un riferimento nella
nel bio find nello schermo che utilizzi per
inquadrare che ti permette di essere più preciso con questa sovrapposizione a
questo punto possiamo iniziare a scattare la nostra panoramica appunto
partendo ad esempio dalla parte bassa e incominciando a scattare ognuno di
questi rettangoli che abbiamo stabilito che ne presente appunto di sovrapporre
sempre e cerca di non muoversi da dove ti trovi
come sempre nelle panoramiche è bene non avere dettagli troppo vicini quindi
organizzati in modo da non avere delle cose a due metri dall’obiettivo perché
potrebbero crearti di nuovo difficoltà in post produzione
a questo punto ci vediamo al pc per la post produzione
i più attenti avranno notato che ho scattato con una panasonic gf2 ora
questa macchina ha un sensore micro quattro terzi da 12 megapixel
perché ti dico che da sei perché è modificata per l’infrarosso questo
comporta che i fotorecettori presenti sul sensore che hanno davanti il filtro
blu non vengano utilizzati praticamente per niente e quelli col filtro verde
vengono utilizzati in maniera marginale e questo porta ad una risoluzione
percepita appunto intorno ai 6 megapixel che sono quelli del nostro esempio ho
dedicato l’intero tutorial alla fotografia con l’infrarosso dove
approfondisco tutti questi concetti per cui se vuoi puoi dargli uno sguardo
trovi i link nella descrizione e della card qua sopra la mia testa ora bando
alle ciance e vediamo le foto che ho scattato te ne faccio vedere in
lightroom nella realtà non ha alcun bisogno di usare lightroom può
utilizzare direttamente i jpeg che escono dalla macchina puoi sviluppare i
tuoi tutti in maniera identica col software che preferisci
se hai lightroom puoi ovviamente utilizzando non c’è nessuna
controindicazione queste sono le foto che ho scartato
qui hai un’idea di come le ho sovrapposte pd che alla fine ho fatto solo tre
scatti in verticale ci sono tre file di foto poi ti faccio vedere per quello che
ho fatto questo ma ti ripeto è meglio scattare di più piuttosto che scattare
di meno io questa fino a qui sopra la leva scattata poi nella post produzione
è inutile il processo perché tanto linqua dura che
voglio fare è diversa quindi adesso ti faccio vedere il motivo di questa scelta
ho già esportato queste jpeg per unirli con microsoft ice
il software è questo qui devi scaricare la versione corrispondente al tuo
sistema operativo quindi a 64 o 32 bit lo abbiamo già visto l’altra volta
quindi tagliamo corto lo apriamo in quanto io l’ho già installato mettiamo a
tutto schermo per vedere meglio e importiamo le nostre foto che come vedi
sono queste qua schiacciamo per microsoft ici e utilizza un sistema
guidato l’abbiamo già visto nel dettaglio l’altra volta voglio solo
farti vedere quest altra funzione che se scatti con un cavalletto può avere
un senso ma devi essere molto preciso noi abbiamo iniziato a scattare da in
basso a sinistra e abbiamo scattato cinque colonne per tre righe in questo
modo sta dicendo a microsoft ice come deve posizionare ciascuna
immagine in realtà questa funzione e serve
abbastanza poco ma se è scattato tante foto potrebbe velocizzare un po il
software l’importante è che le ha scattate con un
cavalletto e in maniera piuttosto precisa altrimenti questa funzione è
piuttosto inaffidabile noi torniamo visto che abbiamo scattato a mano libera
alla funzione che abbiamo già stata un’altra volta e schiacciano next
il software impiegherà qualche secondo ad elaborare le immagini per capire come
sovrapporle ed eccoci qua nella nostra familiare interfaccia con la griglia
io personalmente per questo genere di panoramica preferisco la proiezione
cilindrica puoi sperimentare con quello che preferisci una che potrebbe
funzionare è questa con la prospettiva che purtroppo non riusciamo a vedere
tutta tieni presente che questo tipo di proiezione simula un grandangolo di
quella lunghezza focale siccome io ho ripreso un angolo sull’orizzonte le
estremamente vasto vedi che c’è una distorsione estremamente elevata dovuta
proprio al tipo di proiezione ragion per cui io preferisco ampiamente
il cilindro in orizzontale volendo puoi utilizzare la sfera ma vedi
che tende a schiacciare un pochino tutto e io ti ripeto per questo genere di foto
preferisco ampiamente la proiezione cilindrica ti consiglio di lasciare
l’orientamento automatico ma in ogni caso se vuoi spostarlo ecco quello che
ottieni e questo fa di solito questo software fa un ottimo lavoro nel
livellare l’immagine quindi nessun motivo sostanzialmente per intervenire
in manuale si faceva un ex sta unendo le nostre immagini e questo è il nostro
risultato finale possiamo non tagliarla e intervenire successivamente utilizzare
anche qua la funzione auto crop che nella pratica ricava l’immagine più
grande possibile da questo collage che è venuto fuori
ovviamente poi intervenire a mano e decidere per esempio se privilegiare
alcuni aspetti vedere ad esempio potreste voler fare questa cosa perché
magari quest’area non ti interessa ma vorresti un pochino più di inquadratura
qui nella parte bassa non è il mio caso e quindi torniamo al taglio automatico
a questo punto esportiamo la nostra immagine qui c’è ci mostra la dimensione
dell’immagine e vedi che siamo ampiamente sopra i nostri 10 mila per 7
mila pixel l’immagine verrà fuori da quasi 90
megapixel quindi una bella immagine io vorrei lavorarci anche in post
produzione e di conseguenza la seguirà in tv la esportiamo la chiamiamo dr
dolomiti e salviamo voglio farti vedere in lightroom il risultato finito
eccolo qua giù questa è la nostra immagine finita ti faccio vedere perché
in realtà c’è un pochino lavorato qui il lightroom
ma insomma niente di più di un po di dogen bar e di aggiustamento dei colori
questo è il prima e questo è il duo di piccole differenze giusto per dargli una
sistemata ma quello che voglio farti realmente vedere la differenza con
questa immagine che la foto che ho scattato intera eccola qui vedi
con la gf2 nonostante guarda la differenza di inquadratura sia parecchio
più stretta perché vedi partiamo praticamente da questo alberello qui e
arriviamo all’incirca qua anche il cielo è parecchio di meno quindi è
un’inquadratura parecchio più stretta ma nonostante questo guarda la
differenza nel dettaglio un punto ecco facilmente comparabile che potrebbe
essere ad esempio questa punta qui che nella nostra elezioni originale è questa
praticamente non si vede niente e qui sembra che ci sta davanti
la cosa che voglio farti notare che questo livello di ingrandimento che vedi
qua sulla sinistra e qui vorrebbe a guardare il nostro poster 70 per cento
da una distanza di circa 10 centimetri un’operazione pressoché priva di
significato perché insomma per guardare una stampa così grande non voglio dirti
tanto ma almeno a mezzo metro vorrei metterti perché non riesce proprio
fisicamente a vederla tutta voglio farti vedere anche l’albero guardiamo uno per
volta guardiamo questo albero qui che è quello
che le due foto hanno in comune perché l’altra è un pochino più stretta e
guarda quest’altro che insomma praticamente se fai caso non ti dico che
non si vede ma insomma c’è una differenza
oggettivamente abissale a livello di edilizia di dettaglio di di pulizia
dell’immagine insomma per essere un poster così grande
è scattato con una macchina che è costata poco più di 100 euro
mi sembra che abbiamo ottenuto un bel risultato a questo punto sono veramente
curioso di sapere che macchina sta utilizzando devo fare sapere nei
commenti qui sotto se ancora qua dunque immagino che questo tutorial ti stia
piacendo non essere timido fammelo sapere e schiaccia il pollice su dai
uno sguardo al video qui accanto dove ti racconta come fare le panoramiche
tradizionali se vuoi darmi una mano con il canale condividi questo video su
facebook sul tuo piccolo e se vuoi pagarmi un caffè trova il link in
descrizione comunque grazie per aver guardato questo video ma soprattutto
ricordati non smettere mai di imparare ci vediamo nel prossimo video

No Comments

Leave a Reply